FORUM MEDICINA VETERINARIA UNIBA
Ciao, bentrovato/a sul forum degli studenti di medicina veterinaria di Bari!!!


Se non sei ancora registrato fallo adesso: SCEGLI NOME E PASSWORD, TI ARRIVERA' UN' e-mail all'indirizzo che hai scelto, conferma la registrazione tramite il link e subito potrai iniziare a navigare ed usufruire pienamente del forum.

BUON PROSEGUIMENTO E SOPRATTUTTO BUONO STUDIO!

Greenhill e UNIBA

Andare in basso

Greenhill e UNIBA

Messaggio Da legion89 il Gio Dic 22, 2011 2:04 am

Ragazzi salve..
gira sta cosa su facebook e prima di sparare sulla piazza rossa vorrei saperne di +...vi incollo il testo:

"ECCO CHI SONO E DOVE SONO I CLIENTI ITALIANI DI GREEN HILL"
c'e' una lista tra cui :
"Univ. Di Bari

Dipart. Sanità Benessere Animale"

what???

legion89
Novizio
Novizio

Numero di messaggi : 16
Gratitudine : -3
Data d'iscrizione : 12.11.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Greenhill e UNIBA

Messaggio Da juliet il Gio Dic 22, 2011 10:12 am

sarebbe da verificare l'attendibilità dell'informazione e l'aggiornamento, ma prescindendo da queste accortezze non mi sorprenderebbe più di tanto considerando che la ricerca in vivo nella nostra università si fa ed è alla base di tante acquisizioni che poi ci competono.
Includendo la difficile ammissibilità etica dei criteri che governano la vivisezione, ritengo che purtroppo ad un certo punto diventa inevitabile il ricorso a queste pratiche. esistono anche delle misure tali da renderla più tollerabile: credo che anche nella nostra facoltà come probabilmente in tutto il mondo eccetto che nella direzione della Marshall e Co si faccia sperimentazione cercando quanto più di tutelare il diritto degli animali, soprattutto da una facoltà di Veterinaria ma comunque indipendentemente da questa.
Sono persone quelle che poi devono sottostare a certi cruenti protocolli e non credo che lo facciano con leggerezza, ma solo in quei casi in cui il ricorso alla sperimentazione in vivo rappresenti l'ultimo step. Tutta la comunità scientifica è alla ricerca di mezzi alternativi ma sappiamo bene quanto la complessità di un organismo vivente sia irriproducibile e tantomeno le modulazioni a cui è sottoposto; se l'uomo cerca per sè principi che lo aiutino a vivere bene e a lungo anche in termini di sostegno farmaceutico, ammettiamo di dover includere alcuni compromessi per guadagnare tutto questo, altrimenti potremmo benissimo opporci a tutto questo.
Ritornando all'argomento centrale, una chiacchierata con un professore competente in questo senso potrebbe chiarirci molte cose e sicuramente ci potrà fornire più termini di discussione: personalmente cercherò di affrontare l'argomento appena mi capiterà, intanto possiamo rifletterci insieme

juliet
Novizio
Novizio

Femmina Numero di messaggi : 55
Gratitudine : 75
Data d'iscrizione : 11.11.10
Località : Bari
Umore : vacqueo

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum